fbpx
Skip to main content

Cosa offre l’Avviso?
Il nuovo Avviso 1/2021 di Fondirigenti offre alle imprese l’opportunità di finanziare la formazione dei propri Dirigenti promuovendo quei Piani formativi che sono finalizzati a sviluppare skill e dotazioni manageriali in grado di anticipare il futuro, aumentare la progettualità, generare competenze trasversali e tecniche che permettano di presidiare diversi ambiti d’innovazione (digitale, sostenibile e “smart”).

Chi può partecipare?
I beneficiari degli interventi formativi e del finanziamento sono le imprese aderenti o neo-aderenti a Fondirigenti la cui iscrizione venga confermata entro la data di pubblicazione della graduatoria.
Non possono partecipare:
– le imprese che hanno ottenuto un finanziamento con gli Avvisi 1/2020 e 2/2020;
– le grandi Imprese che al momento della presentazione del piano abbiano sul proprio conto formazione un saldo disponibile pari o superiore a 12.500 euro;
– le imprese che si trovano in stato di fallimento, di liquidazione coatta amministrativa, di concordato preventivo (salvo il caso previsto dall’art. 186 bis del Regio Decreto 16/3/1942 n. 267), di amministrazione straordinaria (D.Lgs. n. 270/1999), di amministrazione straordinaria speciale (Legge 39/2004), di liquidazione per effetto del verificarsi di una causa di scioglimento, o che abbiano in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali condizioni.
I destinatari degli interventi formativi sono i dirigenti occupati presso le aziende beneficiarie con contratto da dirigente al momento di presentazione del piano. Possono inoltre essere coinvolti gli uditori.
L’azienda deve impegnarsi a mantenere l’adesione al fondo fino all’approvazione del rendiconto finale.
Prima di partecipare all’avviso le aziende devono avere:
1- Credenziali di accesso all’Area riservata di Fondirigenti;
2-Validità firma digitale del Legale Rappresentante che sottoscriverà il piano e il rendiconto;
3- Lo Stato Matricola INPS dovrà risultare “attiva”.

Cosa finanzia l’avviso?
Finanzia i piani formativi aziendali; il finanziamento massimo ammissibile, per singola azienda, non potrà superare 12.500 euro.
Le iniziative di formazione si configurano come aiuti di Stato e, pertanto, le aziende dovranno applicare una delle seguenti normative e disposizioni comunitarie:
– Regolamento (UE) n. 1407 del 18 dicembre 2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato agli Aiuti d’importanza minore de minimis;
– Regolamento (UE) n. 651/2014 del 17 giugno 2014 che dichiara alcune categorie di Aiuti compatibili con il mercato comune in applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato (Regolamento generale di esenzione per categoria).

Quali sono le Tempistiche e le Scadenze?
Il presente avviso prevede un’unica scadenza e le aziende possono far pervenire i piani attraverso l’accesso all’area riservata, che sarà disponibile a partire dalle 12 dell’1 giugno 2021 fino alle 12 del 30 giugno 2021.
*Prima della candidatura del progetto all’interno della piattaforma, il piano dovrà ottenere condivisione da parte di Confindustria e Federmanager. La Condivisione potrà essere espressa a livello aziendale solo nei casi in cui esista all’interno dell’azienda una rappresentanza sindacale dei dirigenti riconosciuta da Federmanager.

Quali sono le tematiche che possono essere trattate?
L’Avviso prevede tre macro aree di intervento. Ciascuna azienda potrà presentare il proprio piano formativo solo su una delle aree di seguito elencate.
1. Management della sostenibilità. Quest’area si riferisce alle esigenze di sviluppo delle competenze manageriali relative alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica delle imprese aderenti. Riguarda, a mero titolo esemplificativo, temi relativi a economia circolare, politiche ambientali in azienda, innovazione del prodotto green, comunicazione sociale e marketing etico, certificazioni di prodotto e processo, finanza sostenibile, indicatori e strategie ESG.
2. Open management. Quest’area si riferisce alle esigenze di sviluppo delle competenze manageriali relative alla digitalizzazione e all’innovazione dei processi produttivi, commerciali, finanziari e gestionali delle imprese aderenti. Comprende, a mero titolo esemplificativo, i temi relativi a supply chain, business intelligence, big data e IoT, digital marketing e reti vendita, lean manufacturing.
3. Lavoro e organizzazione smart. Quest’area si riferisce alle esigenze di sviluppo delle competenze manageriali relative ai modelli organizzativi e manageriali delle imprese aderenti necessari a gestire la nuova normalità. Comprende, a mero titolo esemplificativo, temi relativi allo smart e agile working, alle politiche di welfare e alla compliance.
Per maggiori informazioni potete contattare il nostro team dedicato ai servizi alle aziende:

formazione.aziende@immaginazioneelavoro.it

320-6991223

Leave a Reply