fbpx
Skip to main content

Introdotte dalla Legge 205/2017, le spese di formazione del personale nel settore delle tecnologie previste dal Piano Nazionale Industria 4.0 sono state prorogate dalla Legge di Bilancio 2020.
I VANTAGGI
La disposizione è finalizzata a stimolare gli investimenti delle Imprese nella formazione del personale sulle materie relativo alle tecnologie rilevanti per la trasformazione tecnologica e digitale delle imprese.
Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di sostenimento delle spese ammissibili. Ed è riconosciuto nelle seguenti misure.

Dimensione Impresa

Aliquota*

Limite Massimo Annuale

Piccola Imprese

50%

300.000,00

Media Imprese

40%

250.000,00

Grande Imprese

30%

250.000,00

*L’aliquota può essere incrementata al 60% nel caso in cui i destinatari delle attività di formazione ammissibili siano lavoratori dipendenti svantaggiati o molto svantaggiati, come definiti dal DM 17.10.2017.

I SOGGETTI BENEFICIARI
Possono accedere all’incentivo tutte le Imprese residenti nel territorio dello Stato, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione, dal regime contabile e dal sistema di determinazione del reddito ai fini fiscali.

ATTIVITÀ FORMATIVE CHE PERMETTONO L’ACCESSO AL CREDITO DI IMPOSTA FORMAZIONE 4.0
Sono ammissibili, ai fini del Credito di Imposta Formazione 4.0, le spese sostenute per attività di formazione finalizzate all’acquisizione di competenze nelle tecnologie rilevanti per la realizzazione del processo di trasformazione tecnologica e digitale delle imprese previsto dal Piano Nazionale Impresa 4.0.
Le attività formative possono interessare uno o più dei seguenti ambiti aziendali (allegato A della legge n. 205 del 2017): vendita e marketing, informatica e tecniche, tecnologie di produzione. In particolare costituiscono attività ammissibili al credito d’imposta le attività di formazione concernenti le seguenti tecnologie:

  • big data e analisi dei dati;
  • cloud e fog computing;
  • cyber security;
  • simulazione e sistemi cyber-fisici;
  • prototipazione rapida;
  • sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (RV) e realtà aumentata (RA);
  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo macchina;
  • manifattura additiva (o stampa tridimensionale);
  • internet delle cose e delle macchine;
  • integrazione digitale dei processi aziendali.

Queste attività sono destinate al personale dipendente dell’impresa beneficiaria e sono organizzate direttamente dall’impresa con proprio personale docente o con personale docente esterno assistito da un “tutor” interno oppure attività formative affidata a soggetti esterni (in possesso di determinati requisiti previsti dalla norma, tra cui essere Accreditamento regionale o Certificati Uni En ISO 9001:2000 settore EA 37).

SPESE AMMISSIBILI NEL CALCOLO DEL CREDITO DI IMPOSTA FORMAZIONE 4.0

  • i costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione direttamente connessi al progetto di formazione (spese di viaggio, i materiali e le forniture con attinenza diretta al progetto, l’ammortamento degli strumenti e delle attrezzature per la quota da riferire al loro uso esclusivo per il progetto di formazione);
  • le spese relative al personale interno impegnato come docente o tutor non possono eccedere il 30% della retribuzione complessiva annua spettante al dipendente stesso;
  • spese sostenute per il revisore contabile entro i limiti previsti dalla Legge (per le imprese non obbligate per legge alla revisione legale dei conti);
  • i costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;
  • le spese del personale relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) per le ore di formazione.

CUMULO
Il credito d’imposta è cumulabile con altre misure di aiuto che hanno come oggetto le stesse spese ammissibili, nel rispetto delle intensità massime di aiuto previste dal regolamento (UE) n. 651/2014 (50% di tutti i costi ammissibili nella generalità dei casi). Ed è cumulabile con i contributi ricevuti dall’impresa per i Piani formativi finanziati dai Fondi interprofessionali, nel rispetto dei limiti di cui sopra.

DOCUMENTAZIONE PROBATORIA AI FINI DEL CREDITO DI IMPOSTA FORMAZIONE 4.0

  • l’effettivo sostenimento delle spese ammissibili e la corrispondenza delle stesse alla documentazione contabile predisposta dall’impresa (spese personale interno, fatture acquisto, registri presenza formazione, relazioni finali) devono risultare da apposita certificazione rilasciata dal revisore contabile;
  • documentazione contabile e amministrativa idonea a dimostrare la corretta applicazione del beneficio, anche in funzione del rispetto dei limiti e delle condizioni posti dalla disciplina comunitaria in materia.

SERVIZI DI IMMAGINAZIONE E LAVORO A SUPPORTO DELLE IMPRESE PER ACCEDERE AL CREDITO DI IMPOSTA FORMAZIONE 4.0

  • Progettazione, erogazione e rendicontazione di interventi formativi finalizzati allo sviluppo delle competenze previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0 e ammissibili ai fini dell’accesso al Credito di Imposta Formazione 4.0;
  • Supporto nella richiesta del Credito di Imposta Formazione 4.0 (spesa ammissibile ai fini del Credito di Imposta Formazione 4.0, nei limiti previsti dalla Legge);
  • Revisore contabile per la certificazione dei costi sostenuti (spesa ammissibile ai fini del Credito di Imposta Formazione 4.0, nei limiti previsti dalla Legge).

Visualizza e scarica la brochure con tutti i dettagli: Formazione 4.0

Per maggiori informazioni contattare
formazione.aziende@immaginazioneelavoro.it
Mobile: 320-6991223

Leave a Reply